Top

Inktober 2019: Non organizzate quell’Allouinne!

Mattoni Gialli / Blog  / Inktober 2019: Non organizzate quell’Allouinne!

Inktober 2019: Non organizzate quell’Allouinne!

C’erano un romano, un torinese e un avellinese… sì, sembra l’inizio di una barzelletta, e in effetti quella che era nata come una ghost story densa di horror si è trasformata più o meno in una commedia all’italiana, nella quale tre bislacchi personaggi discutono animatamente sull’organizzazione di una ben poco terrificante festa di Halloween. Tutto normale fin qui, se non fosse che… ok, questo lo scoprirete solo leggendo “Non organizzate quell’Allouinne!” la terza e ultima storia di Mattoni Gialli per l’Inktober 2019!

Andrea, Marcello e Nicola vivono nello stesso parco e come ogni anno ad ottobre si incontrano nello spiazzo comune per organizzare quella che puntualmente viene annunciata come la migliore festa di Halloween di tutto il circondario, non senza qualche piccolo intoppo!

1#TREASURE

 

«Senti, te l’ho detto cento volte: le Cacce al Tesoro non funzionano più. Te l’ho detto! E tu non mi ascolti. Allora io con chi parlo?»

«’A smilzo, nun t’aggità! T’ho sentito. Che non t’ho sentito? Me stai a urlà da n’ora!»

«Sì, ma tu insisti con la storia del tesoro, e facciamo la mappa, e qualcuno la trova, e arrivano i ragazzini, eccetera eccetera. Lo abbiamo tentato anche l’hanno scorso: non ha funzionato. Hai visto ragazzini correre qui attorno? Li hai visti? Io no! E poi tanto si sa come va a finire: ci si mette il Capitano Loscuro che ruba il tesoro ai bambini, perché vuole tenerlo tutto per sé!»

«Ma lassalo perde, a quello! È così vecchio ch’ha fatto er giro ed è tornato regazzino pure lui!»

«Non è quello il punto. Qua dobbiamo variare, dobbiamo innovare, essere più al passo con i tempi. Li hai visti quelli del circolo dall’altra parte della città? Hai visto quanta gente?»

«Io n’ho visto gnente e manco te.»

«Eh, però li hai sentiti! Ne parlavano tutti: che hanno fatto le cose in grande, che le grida si sentivano fino a un isolato di distanza. È andata addirittura la stampa, capisci? La stampa! È questo il futuro di Halloween!»

«E dalli co’ st’Allouinne! Ma na vorta ‘nse chiamavano I Santi? Che fa brutto? Ma che è ‘st’Allouinne. A me nun me piace proprio.»

«Perché non sei smart

«’A coso, mo’ nun t’allargà. Che non è che solo perché sei del Norde te poi prende ‘ste confidenze, eh.»

«Aaaah! Ancora con ‘sta storia del Nord e del Sud? Anche questa è superata! Ma non preoccuparti: ho l’idea. Quest’anno i migliori saremo noi.» 

 

Non organizzate quell'Allouinne - treasure

Non organizzate quell’Allouinne – treasure

2#GHOST

 

«E sentiamo ‘npo’. Quale sarebbe ‘sta genialata?»

«Fantasmi.»

«…fantasmi?»

«Precisamente.»
«…ad Allouinne. Na’ cosa che ‘ns’è proprio mai vista, eh. Na’ novità assoluta che come cazzo non c’avemo mai pensato prima. E dimme: che c’hai ‘ntenzione de mette pure du’ scheletri? Che quello poi è uscito ‘Coco’, sai, se portano, famo marketing. E poi l’ossa sonano, no? Clac, clac, clac. Fanno tanto maracas, così c’avemo pure er tocco esotico.»

«Ecco! Lo vedi che hai capito?»

«Sì, che sei ‘ncojone.»

«La tua è tutta invidia, perché quest’idea geniale l’ho avuta io e non tu!»

«Ma ‘nvidia de che?! Ma io posso capì che vòi la novità, ma sceglila bene, no? Famo na’ cosa a tema caraibico, mettemo su Alvaro Soler prima che ‘o ributtino in congelatore, famo aperitivi a tutto spiano. Altrimenti più che ‘a festa alternativa, uno se sceglie n’alternativa ‘a festa, hai capito?»

 

Non organizzate quell'Allouinne - ghost

Non organizzate quell’Allouinne – ghost

3#ANCIENT

 

«Ho capito eccome! Sei vecchio dentro.»

«Eh?!»

«Sei vecchio. Superato. Antico!»

«E te sei sempre ‘ncojone.»

«Hai una mentalità troppo retrograda. Apriamoci! Non facciamo i provincialotti chiusi nel nostro piccolo orto. Dico, ti sei fatto un giro al cinema? Hai visto film sui tesori?»

«Dora l’Esploratrice

«Uno! Ma le sale sono piene di film horror sui posseduti, sulle suore malefiche…»

«Quelle c’hanno il loro perché, eh. Quelle ‘e capisco.»

«…sulle tavole Ouija

«Oju… Oujuja?»

«Ouija. Le tavole per invocare gli spiriti, quelle con le lettere.»

«Ah! Belle! Mamma quanto me piaciono! C’avrei sempre voluto provà!»

«E perché non lo hai fatto?»

«Perché tanto ‘o sapevo chi m’avrebbe risposto: er nonno.»

«Eravate molto legati? Magari ti avrebbe dato dei numeri da giocare!»

«Maddeché! Quello m’avrebbe urlato dietro: ‘nun te fa le pippe, Marcè!’. C’aveva la fissa! Solo perché na’ volta m’aveva sgamato, ma ero ‘npischelletto, pensa. Quelli so’ antichi. E mo’ c’avemo YouPorn. O’ vedi er karma?»

 

Non organizzate quell'Allouinne - ancient

Non organizzate quell’Allouinne – ancient

4#DIZZY

 

«Lascia perdere il karma, e concentriamoci su quello che dobbiamo fare.»

«Vorrei capì cosa.»

«Prima di tutto: ci servono delle lenzuola.»

«’E lenzola? Per fa che?»

«I fantasmi, ovvio.»

«Ma me stai a cojonà? Sì, me stai a cojonà! Ma che è ‘sta cafonata del lenzolo, quello ‘nsusa più! Te vòi fa’ er moderno e poi me scadi sulle basi.»

«E tu vuoi fare il tradizionalista e poi il lenzuolo non ti sta bene.»

«Ma nun se po’ sentì! E poi chissà ‘ndò stavano ‘ste lenzola, chissà che c’hanno fatto… tutte zozze, puzzano de muffa. Vabbè l’idea dell’horror, ma ‘n minimo de cosa.»

«Ma con il lenzuolo è così bello quando il fantasma scende dall’alto. Ah, sia chiaro: non ci penso proprio a calarmi da chissà che altezza vertiginosa, okay? Ne soffro, mi girerebbe tutto.»

«Sia mai che mori… C’avresti da ridì pure su quello.»

Non organizzate quell'Allouinne - dizzy

Non organizzate quell’Allouinne – dizzy

5#TASTY

 

«Il secondo punto riguarda il cibo: dovremo rimediare delle zucche!»

«’E zucche?! Ma ‘ndò l’annamo a pijà tutte ‘ste zucche? Ma ‘o sai quanta gente siamo? Come li sfami solo co ‘e zucche? Quelli se magnano pure te! Si vede che non sei mai annato a ‘npranzo de l’Amministrazione.»

«Ma Nicola mi ha assicurato che-»

«Aspetta: Nicola chi?»

«Quello che sta sempre con te, un po’ basso, robustello… Con quel sentore di bruciacchiato che lo accompagna.»

«Ma chi Nicolino er tuono?»

«Uà, uagliù! E che m’è capitaaat!»

«Eccolo! A Nicò, stavamo a parlà de te!»

«Nicola, mi assicuri che per la festa di Halloween ci pensi tu al cibo?»

«Certo che ci penz ‘ij! Quillo già l’aggio ritto a ‘o meglio cumpagn mio. L’aggio ritto: ‘Totore, mi ha fa nu favore!’»

«Ma la qualità è buona? Il cibo è importante, siamo in tanti…»

«La roba è tutta di prima scelta! Quillo ha fatto ‘o mestiere pe’ quarant’anni, ‘o vvuò sapé meglio ‘e isso? Già ammo pensato al menù: nu poco ‘e frittura gustosa, che si nun se frigge, nun è festa. Poi facimmo pasta al forno e pasta, fasuli e cotiche, accussì a gente pote sceglie. Facimmo pure nu’ poco e rape e patane; vottammo qualche pizza pe’ criature e p’accompagnà…»

«Ah, e lo vedi? Mo’ se ragiona! Quell’altro parlava de zucche; er colesterolo mio se stava a sentì male.»

«Le zucche?!… P’antipasto!»

 

Non organizzate quell'Allouinne -tasty

Non organizzate quell’Allouinne – tasty

6#DARK

 

 «Va bene, ho capito: per il cibo siamo in una botte di ferro. Allora, il terzo problema sono le luci. Dovremmo rimediare un bel po’ di candele.»

«E che ce famo co ‘e candele? Reggemo er moccolo?»

«Fanno atmosfera.»

«Uà, ma che stai ricenn? Ch’e cannele nun se vere niente, ch’amma sta int’o scuro?!»

«Eh, ma la festa sarà nel giardino, dove la prendiamo la corrente?»

«Ma quillo c’attaccammo ‘o palazzo principale! Lassa fa a me, aggio fatto ‘o mestiere pe’ quarant’anni!»

«Pure te? Che è na’ cifra standard? Poi dopo quaranta ve liberano?»

«Ma è illegale attaccarsi alla corrente del palazzo!»

«E che ce ne fotte?! Puortammo pure ‘e cass, ‘a musica. C’hanna sentì pe’ tutto ‘o quartiere.»

«Ecco, la solita mente italica del voler fare i furbi e trovare scorciatoie. Dovremmo essere meglio di così, dare il buon esempio, essere fari nell’oscurità…»

«Eh, e nui i fari l’appicciammo: quilli esterni! A notte ‘a facimmo addiventà juorno! Che ti pienzi che come hanno fatto quilli dell’altro circolo, l’anno scorso? Hann appicciato ‘e canneline e hanno cantato ‘tanti auguri a te’

«E fari siano. Che altro manca, fatemi pensare…»

 

Non organizzate quell'Allouinne -dark

Non organizzate quell’Allouinne – dark

7#COAT

 

«Vabbuò, uagliù, vui pensati, io me n’aggia ine. Tengo n’appuntamento con Titina, quella bona! Uardati qua, m’aggio miso pure ‘o cappottino nuovo.»

«Daje, mitico!»

«No, Nicola! E non ci puoi lasciare proprio adesso, dobbiamo ancora decidere se vogliamo fare uno spettacolo o delle entrate estemporanee. Non ci riduciamo sempre all’ultimo momento a mettere su due cosette a caso, dai. È anche per questo che quegli altri fanno più bella figura di noi.»

«Ma io m’aggio miso ‘o cappott…»

«E te lo togli, due minuti, e parliamo. Dobbiamo anche scegliere la musica…»

«Ah, no! Quilla ammo già risolta.»

«Davvero?»

«Ci ‘sta ‘o monaco ‘e Busto Arsizio, con i fraticelli suoi, che è da n’ann che sta smaniann ca’ vonno sonà. Tenino tutto ‘o repertorio di canti gregoriani!»

«No, dai, er monaco no… Ma na’ cosa più allegra?»

«Eh, che te pozzo rice… Angiulinello da Messina pure c’ha un complessino.»

«Ma chi quello che fa i video pe’ tutto ‘er cortile? Ma sai quante volte l’ho beccato ne le scale a fa le mosse, cantà ‘nplayback mentre quelli ‘o riprendevano? Che poi, sta sempre a cantà ‘Destinazione Paradiso’, ma non ne conosce altre?»

«E vabbuò, allora mettimmo ‘e cassette. Io vi pozzo rà Giggi d’Alessio!»

«I gregoriani, però, ‘n’erano male. Fanno atmosfera.»

 

Non organizzate quell'Allouinne - coat

Non organizzate quell’Allouinne – coat

8#RIDE

 

«Vabbuono, jà! Teniti sempe che dicere!»

«Ahò, ma scusate, a ‘sto punto: è na’ serata fantasmi? E chiamiamo i Lord Phantom!»

«Bella! Questa sì che è un’idea! Un po’ troppo metallo, ma ci sta.»

«Ce famo fa na’ bella selezione de li Megadeth, l’Iron Maiden, gli AC/DC e famo resuscità pure i morti!»

«Uà, no! A me ‘sticcose troppo moderne nun mi piacino… A sto punto ci tenimmo pure a Giggi!»

«Eccerto, Nicolì. Sai che roba? ‘Non dirgli mai – Back in Black’, er remixe definitivo.»

«Okay, allora ci teniamo il Monaco e i canti gregoriani. Stiamo sul classico, la tradizione…»

«E le decorazioni? A quello c’hai pensato, Andrè?»

«Avevo una mezza idea…»

«Io te consijo i palloncini! Che no lo sai che so tornati de moda? Ar cinema c’è pure IT, so perfetti! ‘Galleggiano tutti…’, sai che effetto strizza je famo pijà ai regazzini che passano davanti ar cancello?»

«Sì, però chiurimm ‘a serata ch’’e fuochi!»

«N’artra vorta, Nicò? Che se volemo ricordà i Santi de du’ anni fa? Co’ la gente che correva da tutte le parti? Ennamo, su! E poi che è ‘sta cafonata?»

 

Non organizzate quell'Allouinne - ride

Non organizzate quell’Allouinne – ride

9#INJURIED

 

«E allora: e Giggi no, e fuocartificiali no. Alla fine facimmo sempe quillo che riciti vui! Allora, ossapiti che? Pretendo i balli di gruppo! Accussì posso portà a ballà pure Titinamia!»

«Nicola…»

«Sine! ‘O tiburon, ‘o swing, ‘o tipitipitero

«Er tiburon se lo so magnato da almeno ‘ndecennio! Ma che l’hai pijata pe na’ festa de paese? Questo è Allouinne!»

«…e nunn’è ‘a stessa cosa?»

«Ennò! I latinoamericani so’ troppo allegri, ce vole na’ cosa più cupa, più tetra, più oscura.»

«La colita

«E che è oscura?»

«Eh be’, quanno mi fa male io a veco proprio scura scura.»

«Basta! Basta! Non ce la faccio più a sentirvi! Io sto cercando di portare avanti un lavoro delicato, okay? Ho chiesto il vostro aiuto, ma mi state solo facendo perdere tempo! Sono seriamente offeso nella mia autorità organizzativa e nell’impegno che ci sto mettendo per portare a termine questo compito tanto complesso, e pieno di incognite.»

«Ch’a ritt?»

«Che j’hai rotto er cazzo.»

«Ah, sine? E ossai che c’è? Virittella tu! I’ tengo che ffà, aggia escì co’ Titinamia; m’aggio miso ‘o cappotto, m’aggio miso ‘o profumo. C’ovverimm. Cià.»

«Eddaje, Nicò, nun t’offenne! Nicola?! Se n’è annato.»

 

Non organizzate quell'Allouinne - injuried

Non organizzate quell’Allouinne – injuried

10#CATCH

 

«L’ho visto che se n’è andato.»

«Ecco, ‘o vedi? Te sei giocato luci e cena. E mo’?»

«Non ti preoccupare, ci parlo io. Poi sistemo tutto. Mi sono fatto prendere dalla rabbia…»

«E mica solo da quella. Senti, ‘npo’ Andrè. Che posso esse sincero? A te sta cosa de la rivalità tra cimiteri t’ha ‘npo’ preso la mano.»

«Eccerto che mi ha preso la mano! Li hai visti, quelli, come se ne vanno in giro tutti tronfi?»

«No, che no l’ho visti. E manco te. Perché da qua ‘npotemo escì, e loro neppure. Guarda che ‘sta ‘a diventà na’ barzelletta, se lamentano tutti. ‘O chiamano er luogo de l’eterno riposo pe’ ‘nmotivo, ma qua sto a lavorà più de quanno ero vivo. Ma che me danno ‘a pensione pure da morto?»

«Tu non puoi capire, Marcello! È tutta colpa di Stefano, fin da quando eravamo bambini. Ogni volta doveva copiarmi le idee!»

«Sì, però te co’ tuo fratello ce devi risolve, eh. Nun se po’ continuà così. E due anni fa co’ i fuochi stavamo pe’ accenne er cimitero, meno male che erano fatui. E l’hanno scorso avemo messo tutto a soqquadro pe’ sta caccia ar tesoro. Enrico sta ancora a cercà er femore, ma ‘ndo cazzo gliel’avete messo?!»

«La caccia al tesoro è stata un’idea tua.»

«Mo’ te stai ad attaccà ar capello.»

«Massì… massì, forse hai ragione tu… Solo che vuoi mettere la soddisfazione di dirgli: ‘Bastà, ciaparat!’ e mandarlo a quel paese?»

«Mavvedi se te devi fa er sangue amaro pe’ ‘sti vecchi rancori. Ormai semo morti, ma che ce frega a noi!»

«Eh, lo so. Non andavamo d’accordo neppure sul calcio. Io tifavo Toro…»

«Lui Juve?»

«No, lui tifa per la Lazio.»

«Ndo’ hai detto che se pijano i lenzoli?»

Non organizzate quell'Allouinne -catch

Non organizzate quell’Allouinne – catch

Mattoni Gialli
Mattoni Gialli

Il blog di due sorelle, una scrive, l'altra disegna. Entrambe amano i libri e un morbido cane giallo :)

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.